Feed RSS

Ansia da prestazione

Inserito il

Non si parla di sesso in questo caso ma di lavoro.

2015-04-16 21.39.00-2

E’ quella che prende, solitamente si parla di donne, quando hai mille cose da fare per il tuo lavoro e oltre a quello devi pensare alla casa, pulizie e tutto il resto, preparare la cena al marito e magari avere il tempo per due coccole ogni tanto. E ti fa sentire sempre inadeguata, che non ce la fai, che ti fa desiderare il giorno lungo 48 ore.

Arrivo da una settimana con un week end di semi-relax, finalmente, solitamente è quello che si fa durante il week end, ma non io che lavoro in settimana per preparare materiale da presentare ai mercatini, che solitamente sono proprio nel fine settimana. Vuol dire lavorare a volte 7 giorni su 7  e vuol dire anche non riuscire a fare quelle cose che di solito si fanno il sabato mattina, come fare la spesa, cambiare la cerniera dell’anta della pattumiera che cede sempre e magari fare una passeggiata col marito.

Qualche mezza giornata ogni tanto me la prendo anche, ma non certo col marito che è al lavoro durante la settimana…e qui si rischia l’allontanamento continuo. E va a finire che di giovedì sclero, col marito chiaramente, e con chi altrimenti? Per fortuna ho un marito da #santosubito, come dice Gaia aka Vendetta Uncinetta in questo fantastico post che mi descrive alla perfezione, che viene con me ai mercatini, ma non chiedetegli di passare l’aspirapolvere, credo che non sappia neppure dov’è la presa per la corrente!

Lui esce di casa e fino alle 20 non si vede più, ore in cui penserà solo al suo lavoro, io invece a casa a barcamenarmi tra blog, produzione, fotografie, lavandino da pulire, casa da sistemare, magari fai una lavatrice mentre aspetti che asciughi l’argilla.

Credo di aver bisogno di un posto dove andare a lavorare….fuori casa….così la abbandono alle 9 e rientro alle 20 anche io e non ne sento il peso che tutte le volte che esco dalla mia “craft room”, leggasi angolo di paradiso, vedo disordine ovunque. Dicono che quelli della bilancia debbano lavorare in un posto ordinato, altrimenti si sentono fuori luogo. Forse è per quello che prima delle 11 non riesco mai a prendere un pennello in mano? E non sono una fissata da zero polvere ovunque…anzi!

E non venitemi a dire “per fortuna che non hai figli, altrimenti….” per me quella non è una fortuna.

Dove sbaglio? Pretendo troppo? Devo rallentare?

Voi come fate? Sono da sola in questa barca o siamo in tante?

Annunci

Informazioni su Anna Marelli

Creativa, Maker e Architetto...mi chiamo Anna, e faccio parte della categoria “laureati artigiani”: laurea in architettura, oggi, dopo più di 10 anni a progettare parchi e giardini, mi dedico alla pittura su ceramica e al cucito creativo. Da poco ho scoperto l’argilla che trasformo in moderni bijoux...e sono rinata! Lavoro per creare un mondo migliore, ci provo ricercando la bellezza nelle cose che faccio.

»

  1. Anna… per come ti conosco io , sei un esempio calzante di adattabilità, che per il mio essere molto rigido quasi nemmeno riesco a concepire.
    Ti sei umilmente e caparbiamente ritagliata una spazio nel mondo degli hobbisti, ne stai facendo un lavoro, brava!
    sul fatto di dover rallentare o meno…bel dubbio…ma forse no, no , non devi rallentare, non nella tua passione, quello no. se poi potesse diventare un lavoro da fare fuori dalle solite quattro mura, te lo auguro !

    e magari…lascia un micron di polver in piu in casa, perchè se è li vuol dire che non sta sulle vostri pensieri 😉

    oppure manda qualche volta a lavoro tuo marito con una camicia meno stirata del solito ! ahahha

    baci

    Daniele

    Mi piace

    Rispondi
  2. ciao Anna,
    ho trovato il tuo post per caso e mi sono ritrovata tantissimo nelle tue parole, non ti scrivo per darti una soluzione, perché sono anni che la cerco anche io…ma per dirti che non sei la sola!
    Io mi divido tra lavoro, casa e passione creativa, mercatini,etc. che mi piacerebbe far diventare qualcosa di più serio, con il risultato di un gran caos intorno che sembra non portarmi a nulla!
    Probabilmente trasferire la craft room fuori casa potrebbe aiutare, ma ci vuole anche un cambio di pensiero e tanta forza di volontà. Io ci ho provato a prendere un lab, ma finiva che ci arrivavo sempre non prima delle 12!!!
    Forse bisognerebbe rinunciare a qualcosa…il difficile è capire
    quale cosa, tralasciandola, ci genera meno dispiacere e meno ansia!
    dai cmq consoliamoci sapendo che non siamo sole!
    buona domenica e in bocca al lupo!;)

    genny

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: